Gattoegatti

dedicato ai nostri amici più cari... i Gatti

giovedì, 21 settembre 2017

Last update:08:29:16 PM GMT

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi
in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

You are here:

La rinotracheite virale felina

Malattie infettive del gatto: rinotracheite felina

La Rinotracheite felina è una malattia virale che colpisce le vie respiratorie del gatto. Sintomi, cure e terapia, vaccino e profilassi

La Rinotracheite felina è una malattia infettiva causata da un Herpesvirus che resiste molto a lungo nell’ambiente. L’infezione colpisce le prime vie respiratorie del gatto e la trasmissione avviene per contatto con secrezioni di individui portatori del virus, attivo o silente. Se colpisce un gatto adulto la Rinotracheite felina può risolversi nel giro di 10 giorni circa; nei gattini la maggior parte delle volte ha esito letale. Ricordiamo che nelle infezioni virali si può intervenire unicamente curando i sintomi. 

SINTOMI della rinotracheite felina:

I sintomi che contraddistinguono la la Rinotracheite felina sono scolo nasale ed oculare (congiuntivite), dapprima sieroso e poi purulento, che si essicca intorno alle palpebre e alle narici occludendole; febbre, (intorno ai 40°C ), starnuti, tosse, difficoltà respiratorie, dispnea, salivazione profusa, depressione, anoressia; seguono ulcere corneali e del cavo orale.

TERAPIA della rinotracheite felina:

Per la Rinotracheite felina vengono somministrati antibiotici, vengono effettuati lavaggi con soluzione. Fondamentale è la cura dell’igiene. Sono importanti i lavaggi con acqua fisiologica delle cavità nasali ed oftalmiche perché se il naso è tappato dal muco il gatto non sente gli odori e di conseguenza rifiuta il cibo. Se il soggetto continua a rifiutare il mangime è d’obbligo nutrirlo con prefusione endovenosa.

PROFILASSI della rinotracheite felina:

La vaccinazione assume in questo caso una valenza fondamentale data l’elevata contagiosità della Rinotracheite felina perché si può trasmettere con facilità soprattutto fra gatti che vivono a stretto contatto; inoltre è possibile che un gatto guarito dalla malattia diventi portatore sano del virus restando quindi potenzialmente pericoloso per gli altri animali. Si possono manifestare anche ricadute della malattia, ma grazie alla vaccinazione annuale, che garantisce un’immunità costante nei confronti della Rinotracheite felina, tutto questo può essere evitato.  

FacebookTwitterDiggDeliciousGoogle BookmarksNewsvineLinkedinRSS Feed