Gattoegatti

dedicato ai nostri amici più cari... i Gatti

martedì, 25 aprile 2017

Last update:08:29:16 PM GMT

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi
in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

You are here:

Razze gatti 

Tutte le Razze dei Gatti: le Caratteristiche fisiche, il carattere, la storia evolutiva, i colori e le cure. Tutte la razze a pelo lungo o semi-lungo e a pelo corto o raso

 

 

 Razze a pelo lungo e semilungo

 

Razze a pelo corto o raso

 Pelo-lungo-o-semi-lungo                           Pelo-corto-o-raso

Tutte le razze di gatti moderne sono state selezionate a partire dal 800 e il numero delle razze riconosciute dalle diverse associazioni è aumentato notevolmente dal secondo dopoguerra, quando le migliori condizioni economiche hanno permesso di investire più tempo ed energie negli animali da affezione. Numerose razze e varietà sono quindi molto recenti, ma alcune, come il Certosino, il gatto d’Angora, il Siamese e il gatto di Manx affondano le loro origini nei secoli passati. Le differenze di aspetto tra i gatti domestici, di razza e di strada, non dipendono però inizialmente dalla scelta degli allevatori di favorire o di selezionare certecaratteristiche, quanto dal passaggio dalla vita selvatica alla vita con l’uomo.

Uno degli effetti della domesticazione è il rilassamento della selezione naturale, che favorisce in natura gli individui più adatti all’ambiente, trasmettendo così determinate caratteristiche ed eliminando quelle che riducono la capacità di un individuo di sopravvivere e riprodursi. La domesticazione rappresenta un vero e proprio cambiamento di ambiente, che ha provocato negli animali domestici variazioni nell’aspetto, nella fisiologia e nel comportamento. L’ambiente domestico permette infatti l’espressione di una maggiore variabilità e la comparsa di nuove caratteristiche. La varietà e la variabilità dell’aspetto oppure del comportamento di una specie sono una condizione necessaria perché si sviluppino le razze.

Anche le mutazioni spontanee che si possono verificare nella popolazione vengono mantenute e diffuse, sia perché garantiscono un vantaggio all’animale sia per effetto dell’isolamento geografico. Le razze feline antiche rappresentano proprio questi due aspetti della domesticazione, piuttosto che una selezione mirata da parte dell’uomo. Il Gatto di razza Certosino ed il gatto di razza Siamese vennero certamente apprezzati per la colorazione particolare del pelo e degli occhi, mentre il gatto d’Angora presentava un raro spettacolare pelo fluente di colore bianco. La caratteristica coda mozza del gatto di razza Manx si diffuse nella popolazione più per l’isolamento geografico che per l’intervento dell’uomo, anche se la razza è stata successivamente selezionata per questo carattere.

Oltre all’aspetto generale, le caratteristiche di maggior spicco nel gatto sono sicuramente la lunghezza e il colore del mantello, che varia da razza a razza. Quest’ultimo è composto da tre tipi di pelo: il pelo di protezione, il pelo ispido e il pelo lanoso o sottopelo. La pelliccia protegge la pelle dalle radiazioni solari, dal gelo e dagli urti e permette di non disperdere la temperatura corporea; alcuni peli hanno inoltre una funzione sensoriale. Le mutazioni nella struttura originaria del mantello sono all’origine della divisione delle razze che vengono così distinte: razza di gatti a pelo lungo, razza a pelo semilungo, razza a pelo corto, razza a pelo riccio, razza a pelo duro e razza di gatti nudi.

I gatti a pelo lungo sono rappresentati da un’unica razza, il Persiano, che presenta peli di protezione molto lunghi e un sottopelo fitto e sviluppato. Tra i gatti a pelo semilungo troviamo la razza capostipite di tutti i gatti a pelo lungo e semilungo, il gatto d’Angora. Questa mutazione sarebbe infatti comparsa circa 4 secoli fa in Turchia e Medio Oriente, diffondendosi quindi in tutto il Vecchio Mondo tramite le vie di mare e approdando in America Settentrionale al seguito dei pellegrini.

In alcune razze questo carattere garantiva un miglior adattamento al clima rigido, come nel Siberiano e nel Maine coon, mentre in altre è stato introdotto dall’uomo per tentare di aumentare sempre più la spettacolarità della razza. I gatti a pelo corto presentano invece il tipico mantello del progenitore selvatico, anche se sono state selezionate varietà con caratteristiche particolari: il British, l’Exotic e il Certosino presentano un mantello molto più fitto, sollevato corpo, il Siamese un mantello più corto e sottile.

La razza di gatti a pelo riccio è determinato da tre geni mutanti, detti rex, ed è stato selezionato solo negli ultimi decenni, come il pelo duro, caratteristico della razza American Whirehair. Particolare è la razza Sphynx il pelo è quasi invisibile al tatto ed alla vista, ma è presente con sottilissima peluria.

GATTOEGATTI.COM STA LAVORANDO PER RENDERE DISPONIBILI LE SCHEDE DETTAGLIATE DI TUTTE LE RAZZE, SE QUALCUNO VOLESSE CONTRIBUIRE CON LA DESCRIZIONE DI UNA PARTICOLARE RAZZA PUO' FARLO SCRIVENDO A: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

 

FacebookTwitterDiggDeliciousGoogle BookmarksNewsvineLinkedinRSS Feed