Gattoegatti

dedicato ai nostri amici più cari... i Gatti

lunedì, 24 novembre 2014

Last update:05:35:18 PM GMT

Vaccinazione del Gatto
You are here: Vaccinazione del Gatto

Vaccinazione del Gatto

Vaccinazione del gatto : la vaccinazione del gatto è la chiave di successo di una vita lunga in buona saluteLa Vaccinazione del gatto è la chiave di successo di una vita lunga in buona salute. La vaccinazione protegge il gatto dalle malattie infettive stimolando il sistema immunitario a produrre gli anticorpi, che sono quegli elementi difensivi deputati a proteggerlo in caso di aggressione da parte di taluni microrganismi patogeni. I gatti che sono soliti uscire di casa sono più a rischio malattie perché più facilmente vengono a contatto con virus o batteri o contagiati da altri felini già malati, pertanto la vaccinazione dovrebbe essere completa, è infatti consigliabile il vaccino cosiddetto "pentavalente" che tutela il micio per la Panleucopenia (Gastroenterite felina), Rinotracheite infettiva, Calcivirus, Leucemia felina, Clamidiosi.

Anche per i gatti che vivono in casa sono necessari alcuni vaccini, infatti il loro sistema immunitario non viene frequentemente stimolato, maggiore è quindi la sensibilità alle malattie infettive i cui agenti si diffondono facilmente negli ambienti domestici anche attraverso l’aria. Consigliabile per il domestico è il vaccino “trivalente”, che è quello obbligatori e tutela il micio per la Gastroenterite felina, la Rinotracheite infettiva, la Calcivirus. La vaccinazione antirabbica invece è obbligatoria solo per l’espatrio e nei comuni ove si sono già verificati casi di rabbia. Alcuni Paesi, oltre alla vaccinazione, richiedono anche il dosaggio degli anticorpi prodotti dal vaccino, così come lo richiede l’Italia per i gatti provenienti da Paesi extra UE, salvo eccezioni. Vaccino del gatto: la vaccinazione stimola il sistema immunitario a difenderi dalle malattie infettiveI vaccini devono far parte di un protocollo, consigliato dal proprio veterinario, caratterizzato dalla scelta del vaccino e dagli intervalli dei richiami più opportuni.Se questi intervalli non vengono rispettati, dopo un po’ di tempo l’effetto protettivo delle precedenti somministrazioni risulterà quasi nullo. Solitamente il micio nasce dotato di anticorpi ereditati dalla madre e destinati a scomparire nel giro di qualche settimana, per cui il ciclo vaccinale viene iniziato, di norma, nel gattino di circa 50-60 giorni di età. Alla prima iniezione del vaccino (sottocutanea o intramuscolare) seguono di solito uno o due richiami, distanziati l’uno dall’altro da circa tre settimane d’intervallo. Verso gli 11-12 settimane di vita è consigliabile un richiamo generale. Terminato il ciclo è opportuno ripetere una volta all’anno l’inoculazione del vaccino al fine di mantenere sempre all’erta il sistema immunitario. Tutte la vaccinazioni vengono annotate dal veterinario sul libretto sanitario con l’indicazione della data pro-memoria per il richiamo successivo.Prima di ogni trattamento vaccinale è importante sottoporre il nostro gatto ad una attenta visita clinica che determini lo stato di salute. Un soggetto che al momento della vaccinazione non in piena forma, non solo non produrrà una difesa immunitaria sufficiente a proteggerlo, ma potrebbe avere un peggioramento dello stato di salute da stress vaccinale.

 

FacebookTwitterDiggDeliciousGoogle BookmarksNewsvineLinkedinRSS Feed