Gattoegatti logo P

La Toxoplasmosi è un'infezione parassitaria, in questo articolo approfondiremo il ciclo di sviluppo, i segni ed i sintomi, la diagnosi, le cure ed il vaccino, il pericolo per la salute umana (gravidanza) ed i consigli di prevenzione.

ToxoplasmosiLa toxoplasmosimalattia dei gatti e di altri mammiferi è causata da un protozoo parassita del genere Toxoplasma (specie Toxoplasma gondii). I Protozoi sono organismi formati da una sola cellula e sono fra le creature più semplici del regno animale. Benché l'infezione da toxoplasma sia abbastanza comune, la malattia si sviluppa abbastanza raramente.

IL CICLO DEL TOXOPLASMA:

il gatto è l'ospite definitivo del parassita e la principale fonte di infezione per gli animali e l'uomo. La toxoplasmosi si trasmette anche attraverso il consumo di carni crude. Dopo l'ingestione delle cisti presenti nelle prede infestate, il ciclo infettivo intestinale inizia solo nella famiglia del gatto. Le oocisti sporulate emesse con le feci possono sopravvivere per molti mesi nell'ambiente e diventare infettive per l'uomo e altri animali. Alcuni toxoplasmi si moltiplicano in forma di tachizoiti e si diffondono dall'intestino ad altre sedi. Alla fine, il parassita entra in uno stadio dormiente o di riposo, formando cisti nei muscoli e nel cervello. Le infezioni congenite sono meno comuni nel gatto.

SEGNI E SINTOMI DELLA TOXOPLASMOSI:

Mentre la maggior parte dei gatti infetti da Toxoplasma gondii non mostrano segni clinici di infezione, talvolta si possono verificare sintomi di "toxoplasmosi", soprattutto nei gattini e negli adulti giovani. I sintomi iniziali della malattia non sono specifici e possono includere sonnolenza, depressione, perdita di appetito e febbre. Tuttavia, uno dei sintomi più evidenti è la polmonite, che si manifesta con difficoltà respiratorie progressive. Altri sintomi possono includere infiammazione del fegato (epatite), che può causare vomito, diarrea, prostrazione e ittero (colorito giallo delle mucose); infiammazione del pancreas; e ingrossamento dei linfonodi.

La toxoplasmosi può anche colpire gli occhi e il sistema nervoso centrale, causando infiammazione della retina o della camera anteriore dell'occhio, anomale risposte alla luce e dimensioni anomale della pupilla, cecità, incoordinazione, ipersensibilità al toccamento, alterazioni della personalità, movimenti in cerchio, tendenza a premere la testa contro le pareti, accartocciamento delle orecchie, difficoltà nella masticazione e deglutizione, e perdita di controllo della defecazione e della minzione.

Infine, è importante notare che l'infezione da virus leucemico felino (FeLV) o da virus dell'immunodeficienza felina (FIV) può predisporre un gatto a contrarre la toxoplasmosi.

DIAGNOSI DELLA TOXOPLASMOSI:

La diagnosi della toxoplasmosi si basa sulla storia clinica, i sintomi e gli esami di laboratorio. Un aumento del titolo degli anticorpi anti-toxoplasma di almeno quattro volte per tre o quattro settimane indica un'infezione recente. La diagnosi definitiva richiede l'esame microscopico dei tessuti o degli strisci, o l'inoculazione del materiale sospetto in topi bianchi. I titoli elevati di anticorpi in un gatto sano suggeriscono l'immunità e la cessazione dell'emissione di oocisti. Al contrario, l'assenza di anticorpi in un gatto sano lo rende suscettibile all'infezione e l'emissione di oocisti per circa due settimane dopo l'esposizione.

TRATTAMENTO PER LA TOXOPLASMOSI:

La pirimetamina e la sulfadiazina sono i due farmaci più utilizzati per trattare la toxoplasmosi. Questi farmaci agiscono insieme inibendo la riproduzione del toxoplasma. Il trattamento deve essere iniziato il prima possibile dopo la diagnosi e continuare per molti giorni dopo la scomparsa dei sintomi. In casi acuti, il trattamento può iniziare in base ai risultati di un test iniziale. Se non si riscontrano miglioramenti clinici entro due o tre giorni, la diagnosi di toxoplasmosi deve essere rivalutata. La pirimetamina può essere sgradevole o tossica per alcuni gatti, anche se somministrata in piccole dosi. Recentemente, l'antibiotico clindamicina si è dimostrato efficace nel trattamento della toxoplasmosi felina, con pochi effetti collaterali. Al momento, non esiste un vaccino per prevenire l'infezione da toxoplasma o la toxoplasmosi nei gatti, negli esseri umani o in altre specie.

TOXOPLASMA, GRAVIDANZA E SALUTE UMANA:

Toxoplasmosi in gravidanzaL'incidenza della toxoplasmosi nell'uomo non è cambiata significativamente nel corso degli anni, ma la preoccupazione è aumentata tra i medici e i veterinari. Si stima che dal 30 al 50% della popolazione umana sia stata infettata dal toxoplasma e ospiti la forma cistica, clinicamente silente. Questa forma incistata può produrre la toxoplasmosi in pazienti immunologicamente compromessi. I veterinari sono spesso chiamati a chiarire il ruolo del gatto nella trasmissione del toxoplasma all'uomo. Il contatto con il suolo contaminato da oocisti è probabilmente il modo più comune di esposizione al toxoplasma per diverse specie, inclusi roditori, uccelli, pecore, capre, suini e bovini, così come per le persone che vivono in paesi in via di sviluppo. Nei paesi industrializzati, la trasmissione all'uomo è forse dovuta all'assunzione di carni infette troppo poco cotte, particolarmente ovine e suine (in molte aree del mondo, circa il 10% dei prodotti ovini e il 25% di quelli suini contengono cisti di toxoplasma). L'organismo può essere talvolta presente in qualche prodotto lattiero non pastorizzato, come il latte di capra. L'infezione da toxoplasmosi congenita nell'uomo merita la massima attenzione. Circa un terzo e fino alla metà dei bambini nati da madri che hanno contratto la toxoplasmosi durante la gravidanza sono infetti. L'infezione da toxoplasma è meno frequente (ma la malattia è più grave) se l'infezione materna si verifica durante i primi tre mesi di gravidanza. L'infezione fetale è più comune (ma la malattia è meno grave, spesso senza sintomi) se l'infezione materna si verifica durante il terzo trimestre. La grande maggioranza delle donne infettate durante la gravidanza non presenta sintomi. Negli Stati Uniti, il toxoplasma sarebbe responsabile di tremila infezioni congenite all'anno, la maggior parte delle quali asintomatiche. Fra gli individui che presentano sintomi, questi possono comparire alla nascita oppure anche dopo settimane, mesi o anni. La maggior parte dei casi clinici che insorgono alla pubertà, per esempio, sono il risultato di infezioni congenite, piuttosto che di infezioni recenti. Le manifestazioni cliniche più comuni in questi pazienti sono: disturbi oculari e del sistema nervoso centrale, sordità, febbre, ittero, rash e affezioni respiratorie, in combinazioni variabili. Nelle persone compromesse immunologicamente, come quelle sottoposte a terapia immunosoppressiva (ad esempio per tumori o trapianti di organi) o con malattie con immunodeficienza, come l'AIDS, i sintomi più caratteristici sono: ingrossamento dei linfonodi, disturbi oculari e del sistema nervoso centrale, malattie respiratorie e cardiache. In questi pazienti -specialmente quelli con l'AIDS- sono comuni le ricadute della malattia e il tasso di mortalità è elevato. La diagnosi di toxoplasmosi in gravidanza può essere difficoltosa in quanto spesso non ci sono sintomi evidenti. La presenza di anticorpi IgM contro il toxoplasma in una donna incinta indica una recente infezione da toxoplasma, mentre la presenza di anticorpi IgG indica una infezione pregressa. La diagnosi può essere confermata mediante l'identificazione del toxoplasma nei fluidi corporei o nei tessuti mediante esami di laboratorio specifici. La prevenzione della toxoplasmosi in gravidanza è di fondamentale importanza. Le donne in gravidanza devono evitare il contatto con terreno contaminato, mangiare solo carne ben cotta, evitare di mangiare carne cruda o poco cotta, e lavarsi sempre le mani con acqua e sapone dopo aver maneggiato carne cruda. È inoltre importante che le donne in gravidanza evitino di pulire la lettiera dei gatti o di entrare in contatto con le feci di animali infetti. Esistono alcune terapie disponibili per la gestione della toxoplasmosi in gravidanza, ma il trattamento dipende dalle circostanze specifiche del caso. La pirimetamina e la sulfadiazina sono spesso utilizzate per il trattamento della toxoplasmosi, ma devono essere utilizzate con cautela in gravidanza. Il monitoraggio della salute del feto è di fondamentale importanza in caso di infezione da toxoplasma durante la gravidanza. In conclusione, la toxoplasmosi è una malattia potenzialmente grave che può essere trasmessa dagli animali all'uomo, e che rappresenta un rischio particolarmente elevato durante la gravidanza. È importante adottare misure di prevenzione appropriate e rivolgersi al medico in caso di sospetto di infezione

COME RIDURRE L'ESPOSIZIONE DELLA TOXOPLASMOSI:

Per prevenire la trasmissione della toxoplasmosi, è importante adottare alcune misure preventive. Ad esempio, cuocere accuratamente le carni ad una temperatura interna di 70°C per almeno 15-30 minuti può distruggere le cisti nei tessuti. Congelamento e scongelamento, affumicamento, salagione o salamoia non distruggono con sicurezza le cisti nella carne.

Inoltre, è importante impedire l'accesso dei gatti da compagnia a roditori e uccelli, e offrire loro solo carni cotte, cibi per gatti preparati commercialmente e prodotti caseari pastorizzati. Anche le persone dovrebbero evitare di mangiare carni crude o prodotti caseari non pastorizzati. Inoltre, l'accesso alla spazzatura dovrebbe essere impedito con adatti coperchi ai recipienti.

Poiché le oocisti sono molto resistenti alle condizioni ambientali e possono essere presenti a milioni in una sola deiezione, è possibile ridurre al minimo la trasmissione delle oocisti alle persone adottando le seguenti misure:

  • Evitare il contatto con il suolo potenzialmente contaminato, o indossare guanti di gomma durante il contatto, poi lavare le mani accuratamente e vigorosamente con acqua e sapone.
  • Coprire la sabbia dei giochi dei bambini, per evitare contaminazioni da parte dei gatti.
  • Pulire la cassettina ogni giorno dalle feci o a giorni alterni in modo da allontanare le oocisti prima che sporulino e divengano infettive.
  • Disinfettare le cassettine che possono essere state contaminate con acqua bollente o con calore secco (55°C). I disinfettanti chimici non distruggono le oocisti con sicurezza.

Per le donne in gravidanza, è importante adottare ulteriori precauzioni, come escludere dalla dieta carni crude o poco cotte e prodotti caseari non pastorizzati, controllare i gatti domestici per gli anticorpi verso il toxoplasma e proteggerli dall'infezione. Inoltre, è importante evitare di toccare la cassettina e di toccare i gatti randagi, indossare guanti di gomma nel lavoro con la terra del giardino e lavarsi accuratamente e energicamente le mani con acqua e sapone dopo contatti con terreno, gatti, latticini non pastorizzati, carni o vegetali crudi.

Conclusioni: Prendere le giuste misure preventive può ridurre notevolmente il rischio di contrarre la toxoplasmosi. Se hai un gatto domestico, assicurati di seguire queste linee guida per proteggere la tua salute e quella della tua famiglia. Tuttavia, in caso di dubbi o sintomi, è sempre meglio consultare un medico.

Articoli_correlati